Translate

domenica 31 gennaio 2016

Unioni civili. Il compito dei cristiani.




Uno dei più lucidi esponenti del cattolicesimo italiano contemporaneo, il cardinale Camillo Ruini, ha concesso a Aldo Cazzullo una lunga intervista pubblicata sul Corriere della Sera del 31 gennaio 2016. Così l'influente collaboratore di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI:

"...c’è nel Paese una diffusa contrarietà al matrimonio, o simil matrimonio, tra persone dello stesso sesso; in particolare all'adozione da parte di questo tipo di coppie, e alla pratica dell’utero in affitto".

"Una legge sulle unioni civili si può senz’altro fare. In Parlamento praticamente tutti si dichiarano favorevoli, e di fatto gran parte di questi diritti anche in Italia esiste già, a seguito di decisioni della magistratura. Ma è importante che i diritti siano attribuiti alle persone che formano le coppie, non alla coppia come tale, per evitare equiparazioni al matrimonio".

" L’Europa tende purtroppo ormai da parecchi anni a trascurare il principio di sussidiarietà. Cerca di rendere uniformi norme e situazioni che sono legittimamente diverse nei singoli Paesi. E fa troppo poco in quelle materie come la politica estera, la difesa, ora in particolare la questione degli immigrati, in cui solo l’Ue può agire con efficacia".

"Non c’è una sola modernità. C’è quella cui lei si riferisce, e che nei Paesi occidentali gode di una vera egemonia culturale. Ma c’è anche un’altra modernità, nel vasto mondo e pure nei nostri Paesi. È la modernità che vediamo oggi al Family Day. Una modernità che fa nascere figli, contrastando la crisi demografica che si sta mangiando l’Europa. Una modernità che ha fiducia nel futuro e crede nei legami sociali. Senza di essa, anche la modernità oggi egemone avrebbe poche speranze".

 È ancora possibile un compromesso?  "Direi che è possibile, o almeno sarebbe possibile, un vero accordo, se oltre a stralciare le adozioni si togliessero i tanti riferimenti al diritto matrimoniale e al diritto di famiglia. Altrimenti si apre la strada all’equiparazione, attraverso le decisioni della magistratura".

Agli omosessuali cosa si sente di dire?  "Che non soltanto non sono ostile alle persone omosessuali, ma ho avuto fin da giovane autentiche amicizie con qualcuno di loro. E chiaramente tutte le persone hanno integralmente i diritti che competono alla persona come tale, a partire dal rispetto che è loro dovuto".

Bisogna sottolineare che i pastori della Chiesa cattolica e le organizzazioni cattoliche hanno il pieno diritto di esprimere e diffondere una visione largamente condivisibile anche per ragioni non connesse alla fede religiosa, fino a tentare di orientare il Parlamento. Ma questo è il principale dovere dei cristiani? Il compito principale dei cristiani è annunciare il Vangelo e testimoniarlo con la loro vita, anche quando le leggi dello stato non ne recepiscono i valori. I fedeli di una religione nata e cresciuta per quasi tre secoli come religione minoritaria priva del sostegno del potere imperiale devono essere consapevoli che il bene non ha bisogno delle leggi dello stato per affermarsi. 

Visite